Back to top
 

Corso Riflessologia Plantare

Corso Riflessologia Plantare

La riflessologia plantare è un’antica tecnica che affonda le sue radici nella Medicina Tradizionale Cinese e parte dal presupposto che ogni zona del piede (per l’appunto quelli che in Cina vengono definiti i meridiani energetici) riflette uno specifico organo o apparato del corpo umano. Conseguentemente, il principio fondamentale della riflessologia consiste nell’aiutare il corpo a guarire se stesso attraverso un metodo del tutto naturale, intervenendo sugli squilibri dell’organismo, oltre ad esercitare un’azione preventiva.

Utilizzando una serie di pressioni, stimolazioni e compressioni con i pollici delle mani sui punti di riflesso dei piedi, dove sono presenti 7.200 terminali nervosi, si aiuta l’organismo a sviluppare le proprie difese e alleviare disturbi acuti e cronici, stanchezza, gonfiori, stipsi, stress, tensione muscolare ecc., consentendo alla persona di ritrovare il proprio equilibrio psicofisico. Grazie infatti alla stimolazione dei punti riflessi, seguirà una naturale produzione di endorfine con conseguente effetto antidolorifico sull’organo o apparato in deficienza.

Mappa Plantare Foto: © Reflexology-map.com
Mappa Plantare Foto: © Reflexology-map.com

La Riflessologia Plantare in Occidente

L’Occidente ha potuto conoscere le potenzialità di questa disciplina olistica grazie al padre della riflessologia plantare moderna, l’americano William Fitzgerald, che riprese le tecniche di digitopressione cinesi ideando la mappa riflessologica plantare degli organi.
Successivamente il dottor Joe Shelby Riley, prima, la dott.ssa Eunice D. Ingham poi, che ebbe il merito di aver portato alla fine degli anni ’40 la riflessologia in Europa e tanti altri suoi numerosi allievi terapisti in seguito, continuarono con grande dedizione il lavoro di Fitzgerald, riuscendo a diffondere e a far apprezzare oggi la riflessologia in tutto il mondo.

Mappa Plantare

Volendo spiegare in sintesi la mappa plantare si può dire che Fitzgerald aveva diviso il corpo umano in 10 zone verticali e tre orizzontali dove: gli organi centrali, come colonna e stomaco, si trovano metà su un piede e metà sull’altro, quelli di destra sul piede destro (ad esempio il fegato) e quelli di sinistra (come la milza) sul piede sinistro, gli organi doppi, come polmoni o reni, si trovano su entrambi i piedi mentre le cinque dita sono tutte relative alla testa e ai suoi organi.

PRESENTAZIONE CORSO RIFLESSOLOGIA PLANTARE

Il corso di Riflessologia Plantare organizzato dalla scuola Diadema Academy mira a trasmettere le competenze teoriche e pratiche fondamentali per saper far eseguire al corsista questa tipologia di trattamento olistico sulla pianta del piede in modo efficace e professionale. Nel corso verranno insegnate le corrette manipolazioni previste nella riflessologia per la conseguente stimolazione dell’organo correlato, seguendo le indicazioni della mappa riflessologica plantare.

Il corso di massaggio riflessologia plantare lascia ampio spazio alla parte pratica dove saranno fatti esempi ed esercitazioni, per portare l’allievo ad acquisire una perfetta padronanza del trattamento e delle sue manualità, nonché un’efficace sensibilità operativa.

 A CHI SI RIVOLGE: Il Corso di Massaggio Plantare è aperto a tutti coloro che intendono conoscere e approfondire questo antico trattamento olistico orientale ed è indicato per principianti, naturopati,  fisioterapisti, massaggiatori, estetiste e alle nuove figure degli operatori del benessere che vogliono integrare le loro tecniche.

CERTIFICAZIONE RILASCIATA: Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di specializzazione dalla scuola Diadema Academy, che certifica il raggiungimento della idonea capacità operativa nell’esecuzione della riflessologia del piede. L’Attestato rilasciato, va ad arricchire il curriculum della formazione professionale del partecipante.

Corso-Riflessologia-Plantare

Il corso di riflessologia plantare si articola in 5 intense giornate di formazione teorica e pratica, per un totale di 30 ore di lezione. 

 

Al fine di svolgere un lavoro completo e soddisfacente, il numero dei partecipanti al corso di massaggio è limitato. Il corso prevede  l’alternarsi nella postazione di lavoro, per effettuare e ricevere il trattamento.

TEORIA E PRATICA:
– Origine storiche della riflessologia plantare
– Che cosa è la riflessologia plantare
– La mappa plantare
– Relazione tra la mappa plantare e gli organi
– La tecnica del masssaggio riflessogeno plantare
– I benefici della riflessologia plantare
– L’ambiente, la posizione del cliente, la durata, la frequenza del trattamento ed intensità
– Gli Accessori utilizzati durante la seduta
– Precauzioni e controindicazioni
– La preparazione nel massaggio al piede
– Le tecniche di base: frizioni, digitopressioni e “strisciamento”
– Esecuzione della sequenza di lavoro completa del massaggio al piede

MILANO – via Copernico 53
MANTOVA – via Via Chiassi, 20/D
RIMINI – via IV Novembre 21

ALTRE CARATTERISTICHE DELLA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

IL CONCETTO DELL'ALBERO

Nella riflessologia plantare l’uomo è paragonato ad un albero dove le radici sono costituite dai piedi, il tronco è la colonna vertebrale e i rami rappresentano il volto. Secondo questa disciplina il piede regge il microcosmo dell’essere umano e per questo deve essere sano e stabile per mantenere l’equilibrio e la salute del corpo.

CARATTTERISTICHE DELLA SEDUTA

Il massaggio di riflessologia plantare viene eseguito con il dito pollice che potrà esercitare una pressione o una frizione che deve essere effettuata in modo energico, ma senza superare la soglia di dolore del soggetto.
Le prime stimolazioni che l’operatore effettua hanno lo scopo di “depurare” l’organismo, allentando la tensione nervosa e solo in seguito il terapeuta si concentrerà su quegli organi che sono interessati dai disturbi che si intendono curare.

GLI ORGANI COME RIFLESSO DELL’ORGANISMO

Secondo la disciplina della riflessologia, ogni organo, oltre ad avere le proprie caratteristiche e funzionalità, riflette in sé stesso anche l’intero organismo. In particolare le mani, il viso e i piedi, essendo sedi di una grande quantità di terminazioni nevose, sono gli organi più adatti a riflettere gli altri organi del corpo.  Ecco che si sono sviluppate la riflessologia plantare, quella del viso e quella delle mani.